Immagine di Maria Giovanna Lanfranchi

A mia madre

Ancora non si placa l’eco del tuo ricordo,

a intermittenza violenta ed inattesa colpisce

e mi trova sempre indifeso e arrendevole.

Il caro profilo intravedo nella foschia delle ore,

il tuo sorriso dolce e mesto mi accompagna,

madre isola che mi protegge e rassicura.

 

Anche se di vagare non sono stanco, né vinto

e le mie strade incrociano sentieri ignoti,

si perdono e si ritrovano come per incanto,

prima del giungere della sera, prima del limite.

È il momento di cercare con gli occhi e con la mente

te, madre faro, distante ormai, ma sempre presente.

 

Infine anche le parole si prosciugheranno,

ogni giorno regalerà solchi nuovi al mio volto

e la mia andatura, spavalda e fiera un tempo,

si farà più lenta e incerta per le vertigini.

Gli anni corrono, ma conservo un dono prezioso:

nella notte tu, madre mia, stella che mai tramonta.

Pietro Ragni

Leggi altre poesie:

Volando tra i ricordi

Il caldo soffocante delle luci, piano si avvicinano cuocendo col loro sorriso ogni ambizione. Si forma davanti a me, come pensiero di roccia, una sola immagine, stabile e incancellabile. Ogni momento che scivola tra le dita del vuoto porta un peso insostenibile per...

Specchio

Larghe macchie di muffa mostrano l'età del mio viso, troppo crudele questo specchio, ma sarà poi solo una lastra? Se fosse il ghigno sottile della mente che si affanna dietro pensieri affannati io morirei sfondando lo specchio, che ora si incendia e si scioglie al...

Quel giorno che io

Quel giorno che io capirò l'importanza di avere occhi, di guardare in faccia il sole e voi e le vostre menzogne, quel giorno che io avrò la forza di usare il cervello e ragionare sui vostri perché mai risolti, quel giorno che io avrò la possibilità di amministrare le...

Taranto Vecchia

Alla Marina sono stese ad asciugare le reti, due pescatori dal volto scarno e mal rasato riparano le nasse e, fra lunghi silenzi, parlano di nuvole e calamari, di luna e basse maree.   Rapido il tramonto cambia i colori del cielo, la luce sfuma in ombre incerte,...

Girotondo all’università

I riverberi del sole rallegrano le mille pozzanghere sul selciato disconnesso dell’università occupata. Siamo usciti dalle aule al sereno ed abbiamo improvvisato un girotondo come fossimo ragazzini assetati d’amore che esorcizzano la paura, stretti insieme in un...

Animas affartadas – Anime tristi

  In navios de dolu prenos de disisperu benint sos disterrados de fatu a su dugone, su ‘endidore ‘e vidas, …e lu pagant a pegus, a lagrimas, a mojos, a coronas nieddas de isciaos, chi semper sunt sighinde alenos de ispera, lassandelu su jogu chi mai...

Condividi!

Condividi questo articolo!